Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie

Viste le numerose email di stima nel lavoro che ho fatto e di richiesta per non chiudere il sito, ho deciso di provare per un altro anno, ci saranno alcuni cambiamenti. Come ogni anno di questi tempi vi chiedo un aiuto per le spese di gestione della piattaforma (per chi può), basta cliccare sul banner in ogni pagina e fare una donazione. Ai moderatori ed agli utenti più bravi chiedo il solito aiuto nel forum per gestire gli utenti meno bravi di loro. Per scaricare gli schemi non sarà più necessario avere dei punti e vedrò di procurarmi dei filmati che possano servire alle riparazioni. Grazie e Buon 2017 a tutti.  Magur                  

Stampa

Riparazione Inverter Notebook

Scritto da Magur. Postato in Ricerca Guasti

Premessa: questo articolo viene scritto presupponendo che chi lo legga sia in grado di utilizzare un tester ed un saldatore, se avete dei dubbi su come procedere potete scrivere nel forum ed al più presto sarete aiutati.

L'inverter nei portatili (dove è presente), è una piccola scheda che si occupa di generare la tensione adatta da fornire alla lampada neon dell'lcd, questa lampada è inserita nello schermo lcd e funziona come un normale neon di casa, quindi si può rompere oppure esaurire, in un altro articolo ho illustrato come diagnosticare la rottura dell'inverter, in questo cercherò di spiegarne la possibile riparazione. Quì sotto potete vedere uno schema tipo.

schema inverter

Nella foto sotto potete osservare la disposizione dei principali componenti: i due  connettori (verso la motherboard e verso la lampada) il trasformatore, i mosfet, il chip DC/AC ed il fusibile.
inverter

La prima cosa che avrete già fatto è quella di controllare se è presente la tensione sul connettore verso la lampada a pc acceso, MI RACCOMANDO di predisporre il tester in AC con un fondo scala di 1000 Volt perchè la tensione di funzionamento è tra i 700 e gli 800 Volt in alternata, le correnti sono meno di 6 mA, non c'è pericolo di morte ma la scossa si sente, quindi occhio alle dita :-)
Avendo appurato che l'inverter non funziona, controlleremo prima di tutto l'integrità del fusibile (a pc spento) che spesso risulta bruciato proprio per la sua funzione di protezione, dopo aver verificato che il fusibile è aperto, è possibile bypassarlo momentaneamente con una goccia di stagno o con una pinzetta per verificare che tutto il resto funzioni.
La verifica successiva riguarda il trasformatore (a pc spento) che dopo il fusibile è il componente che si rompe più spesso, anche quì basta verificare con un tester in "ohm" la bassa resistenza delle bobine, la primaria P1/P2 e la secondaria S1/S2 come vedete in foto.
trasform 1
Esistono anche trasformatori con più o meno pin come nella foto successiva, alcuni pin risulteranno non collegati.
trasform 2

Accendiamo adesso il pc e passiamo a controllare i segnali che ci arrivano dalla motherboard, quelli richiesti per il funzionamento dell'inverter sono 4-5, in caso di discordanza con quanto descritto, dovete verificare la motherboard :
1) VIN (alimentazione per i mosfet, solitamente 12 o 19 Volt)
2) Vlogic (alimentazione per il chip logico, solitamente 3,3 o 5 Volt)
3) ENABLE (è il comando ON/OFF che accende e spegne, solitamente 3,3 Volt o 5 Volt, si comanda con il contatto di chiusura schermo)
4) ADJ (è la regolazione di luminosità, si comanda con la regolazione fatta con la tastiera, solitamente 0-3,5 Volt)
5) GND (massa)
a volte i connettori hanno più pin perchè alcuni segnali vengono replicati, spesso i pin sono 6 e sono assegnati diversamente, in ogni caso non esiste uno standard.
Per il funzionamento bastano quelli descritti di cui verificherete la presenza, in caso di discordanza con quanto detto, dovete verificare la motherboard.

 

A questo punto se ancora non avete trovato il problema, restano da controllare solo i chip, segnate le sigle e scaricate da internet i data sheet per controllare le tensioni di ingresso e di uscita dei pin.

Controllando questi componenti avrete coperto il 95% dei casi di rottura degli inverter, spero che questa guida vi sia stata utile.

Se ti è piaciuto questo articolo clicca sul pulsante "g+1" che vedi in fondo, in questo modo lo renderai più visibile agli altri cibernauti. Grazie

Magur

Comments   
  •  
  •  

#8 Magur » 2015-10-21 11:07

Citazione minimanimo:
Ma il pin di enable è lo stesso che manda in protezione l'inverter in caso di lampade scariche? Se si,posso usare quel pin per disattivarlo?

Non mi risulta che ci sia un controllo delle lampade scariche cioè con il gas interno esaurito, quindi non so rispondere alla tua domanda.
Comunque il pin di enable serve per spegnerlo e accenderlo

Magur

  •  
  •  

#7 minimanimo » 2015-10-21 10:46

Ma il pin di enable è lo stesso che manda in protezione l'inverter in caso di lampade scariche? Se si,posso usare quel pin per disattivarlo?

minimanimo

  •  
  •  

#6 Magur » 2015-10-12 15:16

Citazione jeko2012:
salve come faccio a capire se il fusibile e rotto :lol:


Semplice, con il tester in posizione "continuità" oppure "ohm" verifichi che il risultato sia zero ai capi dello stesso. Se non sai come usare un tester leggi l'apposito articolo

Magur

  •  
  •  

#5 jeko2012 » 2015-10-12 14:11

salve come faccio a capire se il fusibile e rotto :lol:

jeko2012

  •  
  •  

#4 giandosanna » 2014-02-09 20:47

Citazione Bucefalo:
Scusa una domanda.
Quando ho appurato che il fusibile e' aperto come faccio a bypassarlo con una pinzetta o goccia di stagno ?
Grazie.
8)

prima lo dissaldi, poi fai un ponticello, oppure con un filo fai un ponticello sopra il fusibile stesso, naturalmente ti serve un saldatore con una punta abbastanza fine

giandosanna

  •  
  •  

#3 Bucefalo » 2014-02-05 01:47

Perfetto ,ho capito grazie, :-)
ho anche risolto il problema con un inverter difettoso.
Si, l'avevi anche spiegato bene ma a volte e' meglio togliersi i dubbi anche sulle cose piu' semplici perche' se le diamo sempre per scontate possiamo incontrare comunque degli intoppi e anche seri.
Grazie.
:lol:

Bucefalo

  •  
  •  

#2 Magur » 2014-02-02 09:16

Il fusibile nella realtà è un filo calibrato per interrompersi se passa più corrente di quella prefissata, quindi per fare una prova si può sostituire con un goccia di stagno a cavallo tra i due terminali. Ovviamente essendo paragonabile ad un filo di spessore enorme, non farà la stessa funzione del fusibile che quindi andrà ripristinato dopo la prova

Magur

  •  
  •  

#1 Bucefalo » 2014-02-02 01:44

Scusa una domanda.
Quando ho appurato che il fusibile e' aperto come faccio a bypassarlo con una pinzetta o goccia di stagno ?
Grazie.
8)

Bucefalo

Collegati o registrati per inviare un commento.