Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Questo articolo vi permetterà di riconoscere a “colpo d’occhio” i componenti SMD presenti su qualsiasi motherboard, in modo da aiutarvi nel lavoro di riparazione e rendere più comprensibile lo schema elettrico del portatile da riparare.

La prima cosa da sapere è che alcuni componenti SMD hanno stampigliato sulla superficie delle sigle invece che il codice completo, questo succede per mancanza di spazio.
Potete scaricare questo pdf SMD_CODE con tutte le sigle disponibili, basta partire dal primo carattere e trovare la corrispondenza, alla fine del pdf sono elencati tutti i package ed altre notizie utili.
Tenete presente che non tutti i produttori sono “allineati” a questo standard e quindi a parità di sigla potrebbero corrispondere più componenti diversi, sarà vostro compito con l’aiuto dello schema elettrico del notebook capire quale componente stiamo testando.
Vediamo ora i componenti più comuni presenti sulla scheda madre di un portatile.

Resistenze
resistenze
sono illustrate resistenze di diverso valore e diverso wattaggio, ne esistono anche di multiple, nella foto sotto viene spiegato come interpretare il codice stampigliato
valore resistenze

Condensatori
ne esistono di ceramici (anche multipli), sono tutti senza codice quindi è necessario lo schema per conoscere il valore della capacità
condensatori ceramici
al tantalio (quindi polarizzati)
condensatori tantalio
con la loro tabella esplicativa
cond tantalio mark
ed infine elettrolitici
elettrolitici

Diodi

possono essere singoli o doppi (due anodi e un catodo), in quelli singoli è sempre presente la fascia che segnala il catodo, per conoscere il modello è necessario interpretare la sigla stampigliata (con il pdf di cui parlo sopra)
SM-DIODES

Induttanze
quelle di potenza sono facilmente riconoscibili per via dell’avvolgimento visibile

induttanze1

le altre somigliano a dei condensatori ceramici oppure ai fusibili ma sono di colore bianco oppure nero
induttanze2

Fusibili
sono solitamente bianchi, neri o verdi, alcuni hanno stampigliato il valore corretto di interruzione
fusibili1
altri hanno invece una lettera che identifica la portata secondo la seguente tabella:
D = 0.25A - E = 0.375A - F = 0.5A - X = 0.68A - G = 0.75A - H = 1.0A - J = 1.25A - K = 1.5A - L = 1.75A
N = 2.0A - O = 2.5A - P = 3.0A - R = 3.5A - S = 4.0A - T = 5.0A
fusibili2

 

 

Transistor
esistono normali e di potenza, alcune volte possono essere doppi in un solo case, su quelli di potenza solitamente è stampigliato il modello completo mentre per quelli normali (che sono più piccoli) è necessario interpretare la sigla stampigliata (con il pdf di cui parlo sopra)
transistor

Mosfet
alcuni possono avere lo stesso case dei transistor, quindi interpretate le sigle, i più comunemente usati nei portatili sono quelli di potenza che vedete nella foto sotto, alcuni modelli hanno un doppio mosfet all’interno
mosfet

Ram
da qualche anno vengono montate specialmente con case “BGA” cioè con le sfere di stagno al di sotto, in questo caso vengono utilizzate come banchi di memoria di sistema o video on board
ram
ne esistono anche con case “PQFP” nel caso di utilizzo di singole unità
ram2

Circuiti Integrati
questa categoria ne comprende di vari, quindi mi limiterò a metterne qualcuno in foto
ic

 

Magur