Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie

Viste le numerose email di stima nel lavoro che ho fatto e di richiesta per non chiudere il sito, ho deciso di provare per un altro anno, ci saranno alcuni cambiamenti. Come ogni anno di questi tempi vi chiedo un aiuto per le spese di gestione della piattaforma (per chi può), basta cliccare sul banner in ogni pagina e fare una donazione. Ai moderatori ed agli utenti più bravi chiedo il solito aiuto nel forum per gestire gli utenti meno bravi di loro. Per scaricare gli schemi non sarà più necessario avere dei punti e vedrò di procurarmi dei filmati che possano servire alle riparazioni. Grazie e Buon 2017 a tutti.  Magur                  

Stampa

Pulizia della ventola

Scritto da Magur. Postato in Consigli

Chiunque di voi abbia un automobile sa che periodicamente và eseguito un tagliando pena il decadimento delle prestazioni dell'auto e l'aumento della probabilità di avere dei guasti, il computer portatile è esattamente come un automobile.


Il problema principale di tutti i notebook è la dissipazione del calore che in un "contenitore" così piccolo diventa problematico, tutti i componenti alimentati della motherboard generano calore in modo particolare il processore.
Tutto questo calore interno al notebook danneggia i componenti ed è stato causa negli ultimi anni di vere e proprie stragi di portatili HP (serie DV6000 e DV9000) nei quali il calore danneggiava il processore video ed anche in altre marche e modelli.
Se avete fatto caso a quanto tempo e quante volte si accendeva la ventola nel vostro portatile appena acquistato, a distanza di un anno o più potete notare che la ventola parte più spesso, gira più veloce (sentite più rumore) e sta accesa per più tempo.
Molti negozi o centri commerciali per poter vendervi altri prodotti, consigliano delle basi con ventole supplementari come questa in foto
ext-fan-notebook
questo prodotto serve si a diminuire la temperatura interna al notebook, ma non risolve il problema alla radice e rischia dopo un pò di tempo di peggiorare la situazione.
Un altro "consiglio" che danno spesso è quello di utilizzare una bomboletta ad aria compressa, questo metodo funziona discretamente se lo fate ogni mese dopo aver comprato il portatile e sempre se dopo 2-3 anni lo fate aprire e ripulire.
Infatti quello che ci vuole è una pulizia della ventola e dissipatore con una rinnovata di pasta termoconduttiva, nella foto che segue potete vedere una ventola "sporca",
notebook-fan-

solitamente quello che si forma è un "cuscinetto" di polvere tra la ventola e le alette del dissipatore in rame, vi lascio immaginare come cala il rendimento della stessa e di conseguenza sale la temperatura dentro al vostro portatile.

polvere ventola 1

Nella foto successiva vedete una ventola montata su processore e chipset completa di dissipatore, sotto alla parte in rame che copre la CPU andrà cambiata la pasta termoconduttiva.
motherboardyhppaviliondv5001

L'operazione non è complicata e può essere eseguita senza strumentazione, bastano solo dei cacciaviti adatti e tanta accortezza, la prima cosa da fare è verificare se in rete (solitamente su youtube) esiste qualche filmato che spiega come smontare il vostro notebook (o chiedete nel nostro forum) ed arrivare così rimuovere tutta la polvere presente.
Per rimuovere la vecchia pasta termica dalla superficie del processore basta un pò di scottex imbevuto di alcol, togliere tutta la pasta e rimetterne di nuova, a questo punto rimontate il portatile ed il gioco è fatto.
Se non volete fare voi questa operazione, affidatevi ad un centro di assistenza qualsiasi.
Appena acceso vi renderete subito conto di quanto rumore e calore faceva prima e che adesso non fà più ... ve l'avevo detto che ne aveva bisogno come un auto o no ?

Se ti è piaciuto questo articolo clicca sul pulsante "g+1" che vedi in fondo, in questo modo lo renderai più visibile agli altri cibernauti. Grazie

Magur

Collegati o registrati per inviare un commento.