Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie

Viste le numerose email di stima nel lavoro che ho fatto e di richiesta per non chiudere il sito, ho deciso di provare per un altro anno, ci saranno alcuni cambiamenti. Come ogni anno di questi tempi vi chiedo un aiuto per le spese di gestione della piattaforma (per chi può), basta cliccare sul banner in ogni pagina e fare una donazione. Ai moderatori ed agli utenti più bravi chiedo il solito aiuto nel forum per gestire gli utenti meno bravi di loro. Per scaricare gli schemi non sarà più necessario avere dei punti e vedrò di procurarmi dei filmati che possano servire alle riparazioni. Grazie e Buon 2017 a tutti.  Magur                  

Stampa

I componenti elettronici per un laboratorio

Scritto da Magur. Postato in Attrezzatura

In questo articolo parlerò di quali componenti vale la pena di avere in un laboratorio di riparazione.

Faccio una premessa, riuscire ad avere sempre tutto quello che ci occorre per una riparazione è praticamente impossibile, le ditte produttrici di motherboard non sono tante ma i componenti attivi cambiano ogni anno migliorando le funzionalità e sopratutto i consumi, avere consumi più bassi vuol dire scaldare meno e fare alimentatori più piccoli e meno costosi.
A questo punto vediamo cosa si rompe più frequentemente su una scheda madre.

Principali componenti passivi:
Resistenze - La loro rottura è estremamente rara a meno che non siano state attraversate da una forte corrente ma solitamente salta prima qualche componente attivo, nel caso la bruciatura (interruzione) è visibile. Non possono andare in corto.
Condensatori - Capita abbastanza frequentemente in caso di corti sulla scheda, che i condensatori al tantalio vadano in corto per sovratensione, questo succede anche per l'invecchiamento del componente, non sono presenti segli visibili. E' molto più probabile un corto che un interruzione.
Quelli elettrolitici invece tendono a gonfiarsi ma non se ne trovano molti sulle motherboard dei portatili
Bobine/Induttanze - La loro rottura è abbastanza rara, il loro comportamento è simile a quello delle resistenze, in quelle usate come fusibile all'ingresso dell'alimentazione possono verificarsi interruzioni, così come per quelle degli alimentatori switching sulla scheda, anche le bobine montate sugli inverter possono interrompersi.
In generale è impossibile che vadano in corto.
Fusibili - Spesso li troviamo interrotti sia sulle schede che sugli inverter. DA COMPRARE, nel caso non avessimo quello identico come portata di corrente, montarne uno leggermente superiore.
Diodi - Solitamente si rompono quelli di protezione per sovratensione o inversione di polarità della tensione in ingresso (quella dell'alimentatore), in pratica succede quando si usano in modo scellerato gli alimentatori universali. Possono essere sia aperti che in corto, comprarne qualcuno di tipo generico potrebbe servire.
Connettori - Si rompono spesso sia per l'incuria delle persone sia per la scarsa qualità dei materiali, ovviamente parlo di quello di alimentazione. DA COMPRARE, assortiti di vario tipo per le varie marche, recuperarli da motherboard guaste è abbastanza difficoltoso.

 

Principali componenti Attivi:
Transistor - A volte si rompono ma meno di quanto si pensi, raramente in corto, spesso con qualche giunzione aperta.
Mosfet - Si rompono sopratutto quelli degli alimentatori switching, come i transistor raramente in corto.
Circuiti Integrati - Purtroppo sono i più difficili da sostituire per via delle saldature, ma sono i componenti che spesso ci provocano il malfunzionamento, mai in corto. Saltano spesso quelli che gestiscono gli alimentatori switching, più raramente quelli delle usb e delle altre periferiche.
Rarissime le rotture di CPU che solitamente si autoproteggono spegnendo il pc per troppo calore, rarissime anche le rotture di GPU grafiche, si staccano spesso le loro saldature.

Considerazioni finali:
Vista la varietà di componenti montati, è impossibile tenere un magazzino di quelli attivi, piuttosto per chi è alle prime armi, consiglierei l'acquisto di un blocco di una decina di motherboard guaste su ebay in modo da recuperare i componenti che possono servire, sopratutto per mosfet, transistor e diodi possono essere usati anche degli equivalenti. Attenzione però ad usare un componente che non sia già rotto.
Poi mano a mano conservare sempre le schede guaste può portare ad avere tantissimi componenti di ricambio, munitevi di un saldatore ad aria calda oppure ad infrarossi e recuperate i componenti senza danneggiarli.
Per finire ricordate che per prova i fusibili possono essere sostituiti momentaneamente da una goccia di stagno oppure un pezzo di filo di rame, i condensatori di filtraggio possono anche essere tolti e non rimpiazzati (se uno solo) ed alcuni mosfet guasti (dipende dallo schema) essere bypassati con una pinzetta metallica.

Come sempre se volete aggiungere dei commenti all'articolo usate l'apposita funzione sotto, per i guasti dovete usare il forum, Grazie

Magur

Collegati o registrati per inviare un commento.